BENESSERE SUL LAVORO: LA PAUSA PRANZO

pausa pranzo a lavoroQuali sono i classici errore del manager di sti cazzi per quanto riguarda la pausa pranzo?

  • vantarsi di averla saltata
  • ingurgitare del cibo spazzatura mentre si fa dell’altro
  • continuare a parlare di lavoro anche in pausa
  • fare la pausa in solitudine

 

Premettiamo che può capitare di avere poco tempo oppure dover gestire un emergenza ma se l’emergenza è la normalità significa che in qualche modo non ci si sa organizzare. Amara, sincera e brutta verità! (se volete approfondire i principi base della gestione del tempo sul lavoro  cliccate qui)

 

Fare la pausa in solitudine è sbagliato?

Sicuramente non va bene fare SEMPRE la pausa in solitudine però la solitudine ci può aiutare a staccare veramente la spina e a poter fare tranquillamente altro aiutandoci quindi nella nostra fase creativa.

 

Se facciamo la pausa e lavoriamo è quasi come saltare la pausa.

Ingurgitare cibo mentre lavoriamo è un misto di cazzate messe insieme: lavoriamo male (come valutiamo chi quando ci telefona sta mangiando?) non ci godiamo il cibo (e faremo fatica a digerirlo e non stacchiamo la spina). E’ un classico esempio di multitasking del piffero

 

Infine, la migliore….vantarsi di saltare la pausa fa molto “Cool” ma rischi di esaurire le batterie (e gli zuccheri) perdendo di efficienza (se vuoi approfondire leggi quando e quanto fermarsi). Inoltre la mancanza di zuccheri ci rende più nervosi col rischio di trattare peggio collaboratori e clienti (ma abbiamo la scusa di aver saltato il pranzo).

 

Quindi cosa fare?

 

Ci sono molte possibilità fra cui scegliere:

  • condividere la scelta del pranzo durante la pausa mattutina, in questo modo si costruirà insieme ai propri colleghi una sana abitudine progettando uno dei migliori momenti della giornata. Trascorrere il pranzo con i propri colleghi o con i clienti senza troppa fretta parlando approfittando del tempo per approfondire la conoscenza reciproca, in questo modo oltre a “staccare” veramente la spina miglioreremo la relazione con clienti / collaboratori.
  • utilizzare la pausa per il gruppo di mutuo aiuto / sfogatoio: tutti abbiamo i nostri stress ed in qualche modo dobbiamo sfogarci ed aprirci con gli altri (persone di fiducia). In questo modo uniremo al piacere del cibo anche quello di “buttar fuori” i problemi appena arrivati (il pranzo non deve diventare una lamentela continua e monotono….. quello è un suicidio quotidiano).
  • approfittarne per conoscere colleghi nuovi, anche se non sono i colleghi preferiti conoscerli in un altro contesto può aiutarci a farceli vedere sotto una luce diversa.
  • staccare veramente: palestra, piscina, bicicletta, pranzo con amici, passeggiata, shopping, hobby, leggere un libro…

 

Il segreto: l’alternanza! A seconda delle possibilità  costruire una pausa pranzo diversa, con obiettivi diversi.

 

Come passerai la pausa pranzo oggi? Su facebook?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *